Porsche acquista il 50% della Red Bull

Porsche acquista il 50% della Red Bull

L’azienda tedesca del Gruppo VW, che ha già ricevuto l’ok, come l’Audi, per tornare in F1, potrebbe ufficializzarlo la prossima settimana.

Porsche, le due potenti aziende tedesche sono state protagoniste delle notizie di F1 per settimane, alla ricerca del modo migliore per entrare, da sole o associate in un team. E sembra che Porsche lo farà alla grande, acquistando metà del team Red Bull, grande dominatore insieme a Mercedes e Ferrari in questo campionato.

Non è stato ancora ufficializzato, ma ci sono diversi documenti rivelati da Motorsport Holland in preparazione che supportano un annuncio la prossima settimana da parte di questa azienda del Gruppo VW che ha già dato l’ok sia a Porsche che ad Audi (più legata alla Sauber) per entrare nel F1 nel 2026 con il nuovo motore . Nonostante i documenti parlino di Red Bull Technology, resta inteso che si tratta dell’intera divisione F1.

Ciò è favorito anche dal fatto che il nuovo amministratore delegato del Gruppo VW da settembre è proprio l’attuale amministratore delegato di Porsche AG, Oliver Blume, grande promotore del ritorno dell’azienda sportiva in F1.

Porsche ha disputato come produttore 8 stagioni di F1 tra il 1957 e il 1964 in cui ha ottenuto 1 vittoria, 1 pole e 5 podi, per poi tornare con peggior fortuna nel 1991 associato al team Footwork. Nel mezzo, l’età d’oro con la McLaren. La collaborazione tra Porsche, McLaren e TAG è stata una delle più fruttuose nella storia della Formula 1.

Con questo motore, denominato TAG ma prodotto da Porsche, i piloti McLaren vinsero un totale di 25 Gran Premi tra il 1984 e il 1987: Niki Lauda vinse il Campionato Mondiale Piloti nel 1984, con uno stretto vantaggio di mezzo punto sul compagno di squadra Alain Prost ; poi, nel 1985 e nel 1986, Prost vinse due dei suoi quattro titoli mondiali. Non solo, ma anche il team McLaren-TAG-Porsche ha vinto il titolo mondiale costruttori nel 1984 e nel 1985.

Fonte: Marca

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *