MotoGp Austria 2022: le moto italiane all’assalto della Yamaha di Quartararo

MotoGp Austria 2022: le moto italiane all’assalto della Yamaha di Quartararo

Alcuni lo avevano previsto prima dell’inizio della stagione: Fabio Quartararo farà fatica a mantenere il suo titolo in MotoGP a fronte di un assalto italiano V4: otto Ducati Desmosedici e due Aprilia RS-GP.

Il 23enne francese quest’anno ha dato grande dimostrazione di forza, ancor più dello scorso, ottenendo risultati che non dovrebbero essere possibili (basta guardare cosa stanno facendo i suoi compagni piloti Yamaha ) per guidare il campionato, ma i segnali sono che la minaccia V4 di Aprilia e Ducati sta crescendo. E Quartararo lo sa.

“Quando arriviamo su una pista venerdì siamo veloci, perché la nostra moto è molto simile a quella degli anni precedenti”, ha detto dopo aver terminato solamente ottavo l’ultima volta a Silverstone , anche grazie a una penalità sul giro lungo. “Ma più gare fanno, più capiscono le loro moto e migliorano”

Quartararo è stato preso nel gruppo a Silverstone, proprio dove non vuole essere, perché in quella situazione non può sfruttare la velocità di curva superiore della sua YZR-M1 con quattro cilindri in linea e perché le sue gomme si surriscaldano.

“La gomma posteriore si è surriscaldata, in più guido in modo completamente diverso dagli altri, quindi i sorpassi sono stati un incubo”, ha aggiunto su Silverstone.

“Hanno velocità massima, accelerazione, aderenza al posteriore… tante cose che noi non abbiamo. Ma preferisco non parlarne troppo. La cosa principale per noi è rimanere concentrati e non guardare i nostri punti negativi, perché quest’anno non possiamo migliorarli”.

Questa è stata la versione di Quartararo nelle ultime due stagioni: sfruttarla al meglio quando le cose vanno per il verso giusto e limitare i danni quando non vanno, perché buttare i tuoi giocattoli fuori dalla carrozzina non ti fa guadagnare punti in campionato.

Questa settimana la MotoGP si sposta al Red Bull Ring , una pista di trascinamento V4-friendly, dove l’anno scorso Quartararo riuscì in qualche modo a finire terzo, vincendo una battaglia con le Ducati di Johann Zarco e Jack Miller , che caddero cercando di stare con lui.

Proprio Miller in questo momento è però in testa alle prime prove libere dopo una sessione parzialmente bagnata.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *