Marc Márquez: “Ora la sfida più grande della mia carriera”

Marc Márquez: “Ora la sfida più grande della mia carriera”

Marc Márquez ha dato fiducia alla sua squadra alla presentazione della Repsol Honda, anche se, diciamocelo chiaramente, non avrebbe potuto fare altrimenti. La richiesta della squadra è alta e lo presuppone. Confida nelle sue possibilità e nella rinascita di HRC.

Pressione

“È qualcosa con cui un atleta deve convivere. L’anno scorso mi è mancata e mi ha fatto guidare peggio che mai. Per ottenere risultati, bisogna stare sul filo. La storia dice tutto. Dobbiamo parlare del titolo. Più tardi, vedremo. L’obiettivo all’orizzonte è quello. Vedremo con Joan o con me”.

Dare tutto

“Quando smetti di dare priorità al lato sportivo, di dare tutto, i risultati non arriveranno mai. In questi tre anni ho sacrificato tante cose, con decisioni molto importanti, per provare a lottare per un altro titolo. Per divertimento vado ad allenarmi. Questo è quello che mi appassiona della competizione”.

“Il mio stile e il DNA, e la mia filosofia, è sempre quella di quando avevo 20 anni. L’esperienza si somma e devo saperla usare, ci sono tanti punti in palio, gare sprint. Bisogna essere intensi “Più armi hai, più opzioni di strategia hai. L’intenzione è quella di guidare d’istinto, come sempre”.

“Stiamo lavorando tutti nella stessa direzione: fare una moto veloce e sicura. Quando sono tornato nelle ultime gare era una moto diversa, era cambiata. Il vero livello si vedrà in gara, nei test c’è molta gomma”.

Rapporto con la Honda

“Nella vita di un atleta ci sono alti e bassi, in pista e fuori. Con Honda c’è rispetto e sappiamo quando dirci qualcosa di chiaro in faccia o essere sereni. Voglio il meglio da loro e io provare a spingere. Voglio vincere con loro. A volte ho visto che era il momento di spingere, ora di avere pazienza. Sono convinto che insieme torneremo in vetta”.

Compagno

“È la legge della vita. Arriverà un compagno di squadra che è davanti a te. Il mio lavoro è essere davanti. Mir ci renderà le cose difficili e noi accogliamo con favore i problemi perché speriamo di poter lottare lì davanti”

Cosa ha visto sulle altre moto? “Sì, ho potuto sbirciare anche gli altri. Ci sono delle differenze, ma non si possono sapere fino all’arrivo delle gare. Sono convinto che la Malesia sarà diversa nei test o in gara. Faremo un piccolo passo avanti”.

Pazienza

“Devi capire quando premi e stringi la corda. Esigo da Honda e Honda esige da me. La pazienza è grande ora, è ricaricata al cento per cento. Fino a quando non avremo altre opzioni. Ho un contratto di due anni ed è tutto da vedere per il futuro.

Cosa cambiare

“Il carattere della moto attuale è abbastanza simile, ha perso trazione in uscita di curva. Diciamo il problema e gli ingegneri devono portare la soluzione. L’obiettivo è tornare dove dovremmo essere”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *