Lo sfogo di Mourinho dopo Inter-Roma

Lo sfogo di Mourinho dopo Inter-Roma

La stagione della Roma, iniziata con il grande entusiasmo per l’arrivo in panchina di Josè Mourinho, nel corso dei mesi si sta rilevando abbastanza sbiadita, o comunque sulla falsa riga di quella terminata alla guida di Paulo Fonseca. Le grandi preoccupazioni scaturiscono anche quest’anno nella difficoltà di approcciarsi che ha la squadra nei confronti dei grandi club della Serie A. A comprenderlo bene è stato proprio il tecnico lusitano che, dopo la sconfitta contro l’Inter in Coppa Italia per 2 a 0, in svantaggio dopo soli 2 minuti per il goal dell’ex Dzeko, è stato protagonista di uno sfogo in cui sono volate accuse dirette alla rosa.

Come riferito dal Corriere dello Sport, lo Special One al termine della gara ha preso la parola davanti ai giocatori, allo staff medico e tecnico e ai magazzinieri. La sua accusa è relativa alla mancanza di mentalità dei suoi calciatori, specie quando devono incontrare squadre ritenute big: “Voglio sapere perché, giocando faccia a faccia con l’Inter, nei primi dieci minuti vi siete cagati sotto!”. A queste pesanti accuse va aggiunta anche la sua versione sul trattamento che gli arbitri rivolgono alla Roma, sempre conseguente all’atteggiamento dei suoi in campo da due anni a questa parte: “Voglio sapere perché da due anni vi mostrate piccoli contro le grandi. Se siamo piccoli gli arbitri ci trattano da piccoli! Trattano la Roma da piccola”. Le sue accuse sono quindi riferite non solo alla gara di Coppa Italia, ma a un andazzo generale che ha riguardato anche altre partite, in particolare quella con il Milan in Serie A.

Mourinho ha poi concluso il suo discorso, con una frase che palesa chiaramente ciò che non piace al portoghese: “Il difetto più grande di un uomo è la mancanza di palle, di personalità. Avete paura di partite del genere? E allora andate a giocare in serie C dove non troverete mai squadre con i campioni, stadi top, le pressioni del grande calcio. Siete gente senza palle. La cosa peggiore per un uomo!”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *